Materiali tossici nei giocattoli per cani: cosa si deve evitare?

Ammettiamolo: ci piace viziare i nostri amici a quattro zampe.

Sappiamo però como scegliere i giochi più sicuri per loro e quali materiali invece evitare?

Ad oggi non esistono linee guida vincolanti sulla produzione di giochi per animali quindi nel mercato si possono trovare anche prodotti potenzialmente molto dannosi.

Di seguito ho elencato le sostanze tossiche che più frequentemente si possono trovare nei prodotti per animali.

1. PVC

Il PVC o vinile contiene clorina: a mano a mano che i giochi vengono masticati la clorina viene rilasciata.

Questa sostanza è particolarmente pericolosa perché cancerogena e può causare problemi di sviluppo soprattutto ai cuccioli in accrescimento.

2. Ftalati

Vengono spesso aggiunti al PVC per renderlo più flessibile.

Putroppo però vengono anche assorbiti dalla bocca e mucose dei nostri cani provocando danni a fegato e reni.

3. Piombo

Si trova molto spesso nelle palline da tennis che andrebbero quindi evitate.

Può danneggiare molti organi e in particolare il sistema nervoso e gastrointestinale.

Segni caratteristici di avvelenamento da piombo sono:

  • perdita di appetito
  • diarrea
  • constipazione
  • ansia
  • spasmi mucolari
  • incoordinazione
  • salivazione

4. BPA

È presente in quasi tutti i materiali plastici (anche nel rivestimento del cibo in scatola) e noto per provocare danni principalmente al sistema endocrino e metabolismo.

5. Cromo

In tracce è un elemento essenziale della dieta dei nostri animali ma in quantità più elevate aumenta il rischio di sviluppare tumori.

6. Formaldeide

I giochi da masticare in pelle grezza sono spesso preservati in formaldeide.

A dosi alte o esposizione cronica può però portare ad irritazione del sistema respiratorio o gastrointestinale.

7. Bromina

Viene usato come ritardante di fiamma nelle spume utilizzate nelle cucce per cani.

Livelli tossici di questa sostanza possono causare vomito, costipazione, tremori e pancreatite.

8. Arsenico

Metallo pesante presente in molti prodotti per pets.

L’avvelenamento da questo materiale può dare vomito, perdita di coscienza e addirittura morte nei casi più gravi.

Daniela Cortiana

MRCVS

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *