La vista del cane

Come vedono i colori i cani?

La maggior parte delle persone sono convinte che i cani vedano in bianco e nero, ma non è così poiché loro riescono a vedere i colori, solo che il loro spettro è differente dal nostro, è più ristretto e i colori appaiono più sfocati, con meno contrasto tra loro. Il modo in cui vedono i colori è simile a come vedono gli umani daltonici. Questo è dovuto ad un motivo tecnico, infatti nei nostri amici a quattro zampe i coni, uno dei tipi di recettori retinici, quelli deputati alla visione dei colori e alla visione distinta, sono due al contrario dell’uomo dove sono tre.
Questo implica che per i cani l’arcobaleno è formato da: blu scuro, blu chiaro, verde, giallo-grigio, giallo scuro (una specie di marrone) e un verde-grigio molto scuro. E fondamentalmente questo vuol dire che i cani vedono il mondo nei colori giallo, blu e grigio.

Come vedono da vicino? Come vedono da lontano?

I cani vedono poco bene da vicino e dalla media distanza, mentre vedono molto meglio le cose lontane e fanno molta meno fatica a vedere oggetti/persone in movimento rispetto a quelli fermi.
Per quanto riguarda l’illuminazione vedono meglio con luci basse o anche tremolanti, invece che con le luci forti.
Infine, c’è da considerare anche il loro campo visivo che è di 240 gradi, per via del posizionamento dei loro occhi, a differenza degli umani in cui è di 180 gradi, questo vuol dire che la loro visione periferica è molto più sviluppata e sono in grado di percepire anche piccoli movimenti molto rapidi.

Visione notturna

I cani vedono meglio di notte rispetto all’uomo. Questo perché la loro cornea e la loro pupilla sono più grandi ed ovviamente perchè sono predatori. L’uomo, invece, vivendo prevalentemente di giorno, alla luce, ha una capacità molto maggiore nella percezione dei colori rispetto al cane.

Da quello di cui abbiamo parlato capite bene che quando si gioca con il cane, meglio non lanciargli una pallina arancione in un prato: farebbe fatica a vederla, ma è da preferire una pallina blu.
In ogni caso, la vista non è il senso più importante del nostro amato fido, per la sua sopravvivenza il senso più importante e sviluppato è l’olfatto.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *