La pancreatite nei cani: sintomi e trattamento

La pancreatite è uno stato infiammatorio del pancreas. Questa infiammazione si viene a creare a seguito di una diminuzione della perfusione sanguigna dell’organo, quindi si può avere a seguito di stati di disidratazione gravi del cane, a seguito di un affaticamento dell’organo o situazioni in cui il pancreas si autodigerirà attraverso gli enzimi pancreatici che esso stesso produce. Frequentemente infatti la pancreatite si presenta dopo che il cane ha consumato un pasto molto elaborato e ricco di grassi, questi ultimi, infatti, richiedono un grande lavoro al pancreas per essere digeriti.

Sintomatologia

Questi sono i sintomi che possiamo osservare in caso di pancreatite:

  • vomito;
  • anoressia;
  • forte dolore addominale, infatti i cani assumono la cosiddetta posizione a preghiera per cercare di alleviare il fastidio addominale;
  • diarrea;
  • disidratazione;
  • abbattimento.

Diagnosi

Oltre a tener conto dell’anamnesi, infatti sarà molto suggestivo il fatto che il proprietario riferisca che il cane ha avuto il giorno precedente un grande pasto oppure che ha rubato del cibo dalla tavola, si deve tener conto della sintomatologia che però è di tipo aspecifico e si può presentare anche in caso di altre patologie. È quindi indispensabile eseguire anche delle analisi del sangue complete da cui si rivelerà la disidratazione, l’innalzamento dei globuli bianchi e dei valori di riferimento del pancreas. Si può utilizzare anche il test per la cPLI, che valuta i livelli di lipasi pancreatica, che però risulta molto sensibile e può dare anche dei falsi positivi. La tecnica diagnostica di elezione è l’ecografia attraverso cui si può vedere l’alterazione del pancreas.

Trattamento

Si tratta di una patologia molto rischiosa e da trattare come un’emergenza dato che può portare anche alla morte, sia perché porta il pancreas a non funzionare più sia per via della debilitazione che causa nel cane a seguito dei numerosi episodi di vomito e diarrea che causa. La prima cosa da fare è mettere il cane sotto fluidoterapia endovenosa, quindi è una patologia che richiede il ricovero presso una struttura veterinaria. Verranno quindi infusi per via endovenosa fluidi per correggere la disidratazione e dare sostegno al cane, si comincerà poi anche una terapia antibiotica, antiemetica e antidolorifica. Contrasteremo la pancreatite normalizzando la volemia, ovvero il quantitativo di sangue circolante, ma tutto il resto della terapia è di tipo sintomatico.

La pancreatite è una patologia molto seria che può avere anche conseguenze importanti per il cane per questo consiglio di non temporeggiare eccessivamente se il proprio cane smette di mangiare e ha episodi di vomito e/o diarrea, rivolgetevi al vostro veterinario di fiducia che attraverso una visita completa sarà in grado d’improntare la terapia più giusta.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *