¿Cómo le enseño a mi perro a caminar sin correa por la calle?

¿Qué beneficio tiene que paseé sin correa?

En algunas ocasiones nuestro perro va a demandar más espacio y libertad, además de necesitar ejercitarse más, hay que tener en cuenta que la mayoría de perros tienen una mayor resistencia física que nosotros y, algunas razas, necesitan de ejercicio diario intenso.

El estar suelto va a permitir que se relacione más con su entorno y se desenvuelva sin que nosotros estemos encima, va a darle mayor seguridad y va a hacer que realice más ejercicio.

Pese a estos beneficios, no debemos olvidar la Ley, donde se indica que en vía pública todos los perros deben ir atados, por tanto os aconsejamos que solo se les suelte en lugares seguros y donde no causen molestias.

Órdenes básicas

No podemos soltar a nuestro perro si no vamos a poder tener control sobre él de ninguna forma, es decir, si no conoce órdenes básicas a la perfección como:

  • “Quieto”.
  • Acudir a la llamada (“ven” o su nombre).
  • “Sienta”.

Debe conocer y obedecer perfectamente estas órdenes y estamos que estar muy seguro que puede realizarlas frente a cualquier estímulo.

Correa: una herramienta muy importante

Antes de enseñar a nuestro perro a pasear sin correa, debe pasear perfectamente con correa, sin estirar y obedeciendo las órdenes antes descritas.

Lo ideal sería ir usando una correa más larga cada vez e ir reforzando las órdenes, observando el comportamiento de nuestro perro, no todos los perros son aptos para ir sin correa, por ejemplos que muestren agresividad o reactivos con otros perros o personas, perros con mucho instinto cazador, etc.

Empieza por un entorno seguro

Cuando empecemos a soltar a nuestro perro no debemos hacerlo en cualquier lugar, elegiremos un entorno seguro y controlado, ya conocido por el perro, si es posible que esté cerrado, mucho mejor.

Comenzaremos con el perro atado y poco a poco dejaremos más cuerda, hasta que dejemos de ejercer control sobre la correa. Iremos alternando unos minutos cogido y otro rato suelto, siempre reforzando órdenes como la llamada.

Nunca debemos olvidar llevar muchas chuches para premiar a nuestro peludo cuando acuda a la llamada, no hay nada más efectivo para reforzar el buen comportamiento.

Irene Martinez

Médica Veterinaria

O meu cão está a perder peso – e agora?

O peso dos cães é avaliado com frequência, não só pelos Médicos Veterinários, como pelos tutores. É um dos parâmetros que permite perceber se existe algum problema a nível de saúde ou bem-estar e deve ser valorizado! Nesse sentido, é aconselhável que todos os patudos sejam pesados com regularidade.

Considera-se patológica uma perda de 10% de peso face ao peso habitual do patudo. Pelo que, nos casos em que existe perda de peso não intencional, devem considerar-se vários fatores.

Dose diária de ração recomendada

Todas as rações indicam no seu rótulo a dose diária que é recomendada para cada cão. Essa dose varia mediante a idade, peso, percentagem de gordura corporal, nível de atividade física e o metabolismo individual de cada patudo. Assim, deverá ser respeitada e dividida pelo número de refeições diárias, de forma a garantir-se a ingestão adequada de nutrientes e de energia.

Qualidade da ração

Existem no mercado diversas qualidades de alimentos disponíveis para os cães! Contudo, torna-se fundamental saber identificar e escolher quais as rações de melhor qualidade e as indicadas para cada caso. Uma alimentação adequada além de permitir a manutenção do peso, ajuda na prevenção de inúmeros problemas de saúde.

Doenças associadas

Muitas patologias são responsáveis pela perda de peso (como por exemplo tumores, doenças da cavidade oral, patologias metabólicas, entre outros). Em muitos animais, os sintomas passam completamente despercebidos e o primeiro sinal evidente é mesmo a perda de peso, associada ou não a perda de apetite!

O que deve fazer se o seu cão está a perder peso?

Se o seu melhor amigo de 4 patas perdeu peso, deverá consultar o seu Médico Veterinário habitual. Será ele o profissional indicado para ajudar a perceber qual a origem do problema e aconselhá-lo da melhor forma!

Ana Matias

Médica Veterinária

Mi perro está perdiendo peso, ¿y ahora qué?

Peso ideal

En perros, el peso ideal es muy variable, ya que existen variedad de razas y sus cruces, por lo que la cantidad de tamaños de perros es inmensa. Esto hace que haya perros altos y estilizados, altos y musculosos, medianos, pequeños y delgados, pequeños y robustos,… Por lo tanto, generalizar por tamaño no tendría sentido. En este aspecto, los veterinarios nos guiamos principalmente por “el ojo”. Es decir, observamos la complexión del perro y podemos valorar si está en su peso ideal, si hay algo de sobrepeso o si, por el contrario, está demasiado delgado.

La importancia de la alimentación

En este punto influye muchísimo la alimentación, ya que la calidad de los ingredientes con que se alimenta hace que los nutrientes se absorban en mayor o menor medida, lo que podría dar lugar a carencias de algunos nutrientes en caso de que la alimentación no sea de buena calidad.

Si un perro pierde peso, lo primero que debemos valorar es si su alimentación es adecuada y si la cantidad es la idónea para su tipo de vida, ya que si por ejemplo ha pasado a tener una mayor actividad física, la cantidad de calorías que debe ingerir, aumenta. O si vive en exterior y en invierno adelgaza, podría deberse a que, al estar expuesto al frío, tiene mayor desgaste de energía y, por lo tanto, debe aumentar la cantidad de alimento que ingiere.

La pérdida de peso como síntoma de enfermedad

Pero no siempre la pérdida de peso tiene su origen en la alimentación.

Si descartamos que haya habido algún cambio como los que hemos comentado, debemos valorar que puede existir alguna enfermedad. Para esto, se realiza una exploración completa del animal, de la cual podemos extraer mucha información, como si hay heridas, el estado de la piel, si hay fiebre, si hay palidez, etc. Esto nos puede orientar y podemos decidir si hay que realizar otras pruebas, como un análisis de sangre, ecografía, etc.

Las causas más habituales de pérdida de peso en perros son:

– Infecciones que producen fiebre y pérdida de apetito.

– Enfermedades parasitarias, como Leishmaniosis

– Enfermedades digestivas que producen diarreas crónicas o vómitos

– Tumores

Por lo tanto, si crees que tu peludo está perdiendo peso, lo mejor es que acudas a tu veterinario y podáis valorar qué puede estar sucediendo.

I cani hanno “mal di schiena”?

I cani possono soffrire di mal di schiena come troppo spesso accade anche a noi.
Scopri leggendo questo articolo quali sono le principali cause e come si diagnostica.

Cause

Strappo muscolare

Può essere dovuto ad un movimento improvviso e risolversi in poco tempo con riposo, ma anche essere sintomo di patologie più gravi.

Ernia discale

Causa molto frequente di dolore alla schiena, ne esistono due tipi.

Tipo 1 : il nucleo polposo del disco degenera perdendo di elasticità, può quindi rompersi o protrudere. Si verifica prevalentemente in razze condrodistrofiche (es. bassotti).

Tipo 2 : Prevede la degenerazione dell’anello fibroso esterno con conseguente protrusione del nucleo. Avviene cani di età media o avanzata e prevalentemente di taglia grande.

Infezione

Meno comune.
Di origine batterica o fungina ed interessa i dischi intervertebrali.

Fratture

Più spesso provocate da incidenti o come risultato di tumori ossei in questa sede.

Meningite

Infiammazione delle meningi che ricoprono non solo l’encefalo ma anche la corda spinale.
Può essere di natura infettiva o puramente infiammatoria.

Emivertebre

Malformazione congenita di alcune vertebre.
Risultando disallineate portano ad instabilità e conseguenti danni alla corda e nervi spinali

Tumori

Possono interessare le vertebre, la corda spinale, le radici dei nervi o i muscoli associati alla colonna.

Stenosi lombosacrale

Compressione spinale nella zona lombosacrale.
Questa può essere verificarsi a seguito di una varietà di anomalie tra cui: malformazione, artrite, disallineamento …
Frequente in cani anziani di taglia grande ed in particolare nel pastore tedesco.
E’ una patologia dolorosa e può ostacolare il funzionamento degli arti posteriori e della coda e nei casi più gravi compromettere la continenza urinaria e fecale.

Diagnosi

Visita

Innanzitutto è fondamentale osservare la stazione e andatura del cane.
Poi il veterinario passerà ad applicare pressione su tutta la lunghezza della colonna per individuare eventuali aree dolorose.
Infine si valuteranno i riflessi spinali (come quello di riposizionamento delle zampe) per valutare l’eventuale interessamento della corda spinale.

Radiografie

Particolarmente utili per valutare i tessuti ossei.
Permettono di diagnosticare fratture, tumori ossei, dislocazioni, malformazioni.

TC e risonanza magnetica

Consentono una caratterizzazione più accurata di diverse patologie ma soprattutto di quelle riguardanti i tessuti molli (es. ernie discali).

Daniela Cortiana

MRCVS

Neurologia nei cani: quali sono le malattie più frequenti?

Con l’articolo di oggi tratteremo un argomento un po’ più complicato e fuori dal comune del solito, come la neurologia veterinaria e le malattie neurologiche più comuni che possono interessare il nostro cane. A tal motivo, vorrei dire che fortunatamente, negli ultimi anni le conoscenze in ambito medico veterinario son notevolmente migliorate, portando alcune branche della medicina veterinaria a essere appannaggio di colleghi specializzati nelle singole discipline; e una di queste, è proprio la neurologia veterinaria.

Le patologie neurologiche del cane più comuni possono essere sintetizzate come di seguito:

Patologie congenite che possono interessare vari comparti del sistema neurologico come le cisti aracnoidee, malformazioni cerebellari dovute a particolari condizioni durante la gravidanza (come infezioni o tossicosi), nonché di natura ereditaria legate a certe razze o famiglie di cani come per esempio la malformazione del Chiari.

Tumori encefalici o delle guaine nervose sono patologie comuni nei cani anziani, che generalmente causano sintomi neurologici come le convulsioni che sono correlati alla crescita del tumore ed ai fenomeni compressivi associati.

Alcuni virus possono causare manifestazioni neurologiche gravi difficilmente curabili. Basti pensare al virus della rabbia che si accompagna con un’aumentata aggressività del cane, tremori, paralisi e convulsioni. Un altro virus da tenere a mente, è quello del cimurro, che in alcuni casi può anch’esso interessare il sistema nervoso con sintomi come convulsioni, atassìa, paresi e tremori.

Infezioni batteriche e parassitarie possono causare una patologia molto grave definita meningite, che interessa i tessuti che “avvolgono” le cellule nervose, anch’esso può manifestarsi con convulsioni.

La meningite può avere anche una base immunomediata, essere causata cioè dall’errata aggressività del sistema immunitario nei confronti delle meningi appunto.

Patologie ortopediche che interessano le vertebre, come lesioni traumatiche, instabilità articolari acquisite o traumatiche ma anche patologie discali degenerative e traumi cerebrali possono avere sintomatologie variabili come elevata dolorabilità spinale, atassia, paralisi o incoscienza.

Lesioni vestibolari, cioè che interessano il sistema auditivo interno, causano incoordinazione, torcicollo, dolorabilità ma anche febbre.

Avvelenamenti, come quello causato da i veleni lumachicidi sono molto pericolosi e causano stato comatoso e epilettico.

Patologie metaboliche come l’iperammonemia (eccessive concentrazioni di ammonio nel sangue) o la sindrome uremica possono anch’esse causare sintomi neurologici.

L’epilessia idiopatica è un’altra patologia molto comune nei nostri amici a 4 zampe della quale non si conosce l’origine.

Se volete approfondire l’epilessia potrete dare un occhiata a quest’altro articolo da me scritto.

In conclusione, se sospettate una possibile malattia neurologica, non esitate a contattare il vostro medico veterinario!

Vito Priolo

MRCVS, MSc, PhD

Il mio cane è stato punto da un ragno, cosa fare?

I ragni sono animali ubiquitari, distribuiti ovunque nel globo terrestre e che ben si son adattati anche a vivere a contatto con l’essere umano. In Europa, ed in particolare in Italia, la maggior parte dei ragni, sono animali innoqui e utili per l’equilibrio naturale, basti pensare al fatto che si nutrono di altri insetti.

Purtroppo, nel caso delle specie più grandi, alcune volte possono spaventarci per i dolorosi morsi…alcune volte letali…come quelli della temibile vedova nera! Che fortunatamente, non è presente sul territorio Italiano.

Inoltre, è utile sottolineare, che non attaccano noi o il nostro cane per piacere, ma solo se si sentono in pericolo. Al quale si aggiunge che il nostro amico a 4 zampe mette il muso ovunque….il danno è fatto!

Quali sono i sintomi principali?

I sintomi più evidenti sono quelli causati dalla reazione infiammatoria che si mette in atto nel punto in cui è avvenuto il morso. La severità della reazione dipende dal ragno che ha punto il nostro cane…può variare da un piccola reazione locale o minuscolo eritema fino ad arrivare nei casi più gravi (come nel caso del ragno violino) a fenomeni di necrosi dei tessuti.

I sintomi che si accompagnano al morso saranno dolore, fastidio, polipnea fino a febbre nei casi più gravi!

Quali sono i rischi?

Negli ultimi anni purtroppo, una specie di ragno, conosciuto come ragno violino, ha invaso la nostra penisola, ed i casi di animali domestici ma anche umani con gravi e severe reazioni aumentano ogni anno…! Escluso quindi il caso del ragno violino, che magari approfondiremo in un altro articolo, i rischi in seguito al morso della totalità delle specie autoctone è minimo. Trattandosi quindi di leggeri arrossamenti e fastidi nella zona in cui è avvenuto il morso.

Che devo fare?

La prima cosa da fare se sospettiamo un morso di un ragno è localizzare l’insetto per capire di che specie si tratta, e per escludere quindi il temibile ragno violino. Ovviamente, il consiglio principale sarà a quel punto di contattare il vostro medico veterinario che vi darà le indicazioni necessarie ad affrontare l’avvenuto. Il linea di massima, l’applicazione di ghiaccio sulla zona, o di creme a base di Aloe vera o Arnica possono risultare particolarmente utile per alleviare il fastidio.

Vito Priolo

DVM, PhD

Discopatia canina: Che cos’è?

Cos’è la discopatia nei cani? Cause principali. Sintomi e trattamento.

Sotto il termine “discopatia” vengono raccolte le condizioni patologiche a carico della colonna vertebrale in cui il disco intervertebrale fuoriesce dalla sua sede normale.

I dischi intervertebrali sono strutture fibro-cartilaginee poste tra le vertebre, con la funzione di ammortizzare gli urti che arrivano alla colonna rendendola quindi più “elastica”.

La fuoriuscita del disco dalla sua sede prende il nome di “ernia del disco” ed è una condizione abbastanza frequente nel cane, soprattutto a livello toraco-lombare.

In Medicina Veterinaria però esistono principalmente due grandi classi di ernie del disco:

  • Le cosiddette Hansen tipo I, che colpiscono prevalentemente razze come il Bassotto Tedesco e il Basset Hound, e che si verificano in seguito a movimenti improvvisi come cadute e salti.
  • Le cosiddette Hansen tipo II, che colpiscono cani adulti di tutte le razze, e sono caratterizzate dalla progressiva e graduale fuoriuscita del materiale contenuto nel disco intervertebrale.

In entrambi i casi il danno consiste nella compressione e danneggiamento del midollo spinale.

Cosa si osserva in un cane con ernia del disco

I primi sintomi di un’ernia del disco possono essere subdoli. Di solito il cane è spaventato, inarca la schiena, contrae l’addome come se avesse mal di pancia, oppure resta del tutto immobile e rigido, lamentandosi se sollecitato. Inoltre può essere più o meno evidente l’incoordinazione nei movimenti, fino alla vera e propria immobilità (plegia) con perdita della sensibilità.

Formulare la diagnosi

Fare una visita completa e una valutazione dei riflessi è spesso difficile proprio per il grande dolore provato dal cane in quei momenti.

In attesa di tutti gli accertamenti è in ogni caso fondamentale obbligare il cane al riposo assoluto, preferibilmente confinato in un trasportino, per evitare drammatiche evoluzioni.

La diagnosi viene formulata dopo un’attenta visita del cane, cui fanno seguito delle radiografie alla colonna vertebrale e, a seconda dei casi, indagini più avanzate, come TAC e/o risonanza magnetica, necessarie per capire l’entità del danno al midollo spinale.

Terapia

A seconda delle caratteristiche dell’ernia il cane svilupperà sintomi più o meno gravi (talvolta irreversibili) e dovrà ricevere trattamenti diversi.

Nei casi meno gravi la terapia viene definita “conservativa” e consiste nella somministrazione di farmaci antiinfiammatori, antidolorifici e nel riposo assoluto.

Nei casi più gravi invece è fondamentale intervenire chirurgicamente, rimuovendo dalla colonna vertebrale il materiale fuoriuscito dal disco, per liberare così il midollo spinale compresso.

All’intervento chirurgico va inoltre associato un programma di fisioterapia riabilitativa, per garantire la migliore ripresa del movimento, dell’equilibrio, della sensibilità e della coordinazione.

Dott.ssa Benedetta Usala

Materiali tossici nei giocattoli per cani: cosa si deve evitare?

Ammettiamolo: ci piace viziare i nostri amici a quattro zampe.

Sappiamo però como scegliere i giochi più sicuri per loro e quali materiali invece evitare?

Ad oggi non esistono linee guida vincolanti sulla produzione di giochi per animali quindi nel mercato si possono trovare anche prodotti potenzialmente molto dannosi.

Di seguito ho elencato le sostanze tossiche che più frequentemente si possono trovare nei prodotti per animali.

1. PVC

Il PVC o vinile contiene clorina: a mano a mano che i giochi vengono masticati la clorina viene rilasciata.

Questa sostanza è particolarmente pericolosa perché cancerogena e può causare problemi di sviluppo soprattutto ai cuccioli in accrescimento.

2. Ftalati

Vengono spesso aggiunti al PVC per renderlo più flessibile.

Putroppo però vengono anche assorbiti dalla bocca e mucose dei nostri cani provocando danni a fegato e reni.

3. Piombo

Si trova molto spesso nelle palline da tennis che andrebbero quindi evitate.

Può danneggiare molti organi e in particolare il sistema nervoso e gastrointestinale.

Segni caratteristici di avvelenamento da piombo sono:

  • perdita di appetito
  • diarrea
  • constipazione
  • ansia
  • spasmi mucolari
  • incoordinazione
  • salivazione

4. BPA

È presente in quasi tutti i materiali plastici (anche nel rivestimento del cibo in scatola) e noto per provocare danni principalmente al sistema endocrino e metabolismo.

5. Cromo

In tracce è un elemento essenziale della dieta dei nostri animali ma in quantità più elevate aumenta il rischio di sviluppare tumori.

6. Formaldeide

I giochi da masticare in pelle grezza sono spesso preservati in formaldeide.

A dosi alte o esposizione cronica può però portare ad irritazione del sistema respiratorio o gastrointestinale.

7. Bromina

Viene usato come ritardante di fiamma nelle spume utilizzate nelle cucce per cani.

Livelli tossici di questa sostanza possono causare vomito, costipazione, tremori e pancreatite.

8. Arsenico

Metallo pesante presente in molti prodotti per pets.

L’avvelenamento da questo materiale può dare vomito, perdita di coscienza e addirittura morte nei casi più gravi.

Daniela Cortiana

MRCVS

Cão com nariz a escorrer: o que pode ser?

Quais podem ser as causas?

O corrimento nasal pode ter diversas origens. As mais comuns são:

  • Rinite: Consiste na inflamação da mucosa nasal. Pode acontecer devido a uma reação alérgica a pólen ou produtos químicos, por exemplo;
  • Infeções bacterianas: Trata-se do alojamento de uma bactéria no sistema respiratório do animal, com produção de corrimento. Esta infeção tanto pode ser uma infeção respiratória superior como uma pneumonia. O corrimento nasal pode também surgir devido a problemas dentários.
  • Corpos estranhos nasais: Acontece quando um objeto se aloja no nariz do seu animal, nomeadamente, praganas, pequenas ervas, etc. Surge normalmente em apenas uma das narinas;
  • Vasculites: Consistem em alterações nos vasos da cavidade nasal que se tornam mais frágeis e acabam por sangrar. Pode estar associado a doenças sistémicas auto-imunes e a leishmaniose, por exemplo.
  • Tumores nasais ou pólipos: podem surgir nas cavidades nasais lesões benignas ou malignas que podem acabar por induzir a produção de corrimento, geralmente, sanguinolento.

O tipo de corrimento também pode variar entre seroso (aspeto de água), purulento (amarelo a esverdeado, constituído por pus) e sangue, de acordo com a patologia que está na sua origem.

Como pode ser tratado?

O corrimento nasal, por si só, não nos dá grandes informações. É importante fazer alguma investigação no sentido de descobrir a origem do corrimento. Para tal, recorre-se a radiografias, análises sanguíneas, citologias e culturas bacterianas e até a rinoscopias. Identificada a causa do corrimento, o tratamento poderá incluir antibióticos, anti-inflamatórios, anti-histamínicos e até cirurgia (para remoção de corpos estranhos ou tumores).

Assim sendo, se vir que o nariz do seu patudo está a escorrer, não deverá hesitar em agendar uma consulta no médico veterinário!

Ana Cláudia Gonçalves

Médica Veterinária de Animais de Companhia

Ladrar nos momentos certos: como ensinar o meu cão a “falar”?

O ensinar o cão a ladrar à ordem nem sempre é fácil pois podemos, facilmente, fazer com que o nosso cão ladre o tempo todo. Por isso, caso o seu patudo já seja um cão que ladre sem ser pedido, é importante que pense se será boa ideia estimulá-lo a ladrar! Por outro lado, torna-se mais fácil pedir algo que o cão já faz (neste caso, ladrar).

  1. Comece por tentar “captar” o ladrar pretendido. Por exemplo, muitos cães ficam atentos a ver-nos comer e tentam chamar a nossa atenção de inúmeras formas. Quando nada resulta, ladram. Quando isso acontecer, reforce.
  2. Repita o processo várias vezes.
  3. Quando o seu patudo já tiver percebido que é o “ladrar” que pretende, comece a introduzir a ordem verbal “fala” ou “ladra”, por exemplo.
  4. Quando este processo estiver bem apreendido comece por pedir o comportamento em vários momentos.
  5. Tendo em conta que o “falar” já está sob comando, ignore todas as vezes que o faz sem ser pedido.
  6. Poderá colocar o “falar” sob comando gestual, fazendo o gesto após o comando verbal

Divirta-se com o seu patudo 😊