Toelettatura del cane: segreti e gli strumenti per averlo bello e sano

Toelettatura o tosatura?

Si tratta infatti di due cose ben diverse tra loro. Con toelettare il cane s’intende lavarlo e spazzolare il pelo, con tosatura, invece, si indica la rimozione del pelo tagliandolo, avviene prima che il cane sia lavato e dev’essere effettuata in modo specifico a seconda del tipo di pelo. Fondamentale tenere a mente che i cani non dovrebbero essere mai tosati a pelle, a meno che non ci siano le indicazioni come ad esempio pelo troppo infeltrito per poterlo districare, questo perché il pelo rappresenta una protezione sia contro il caldo che contro il freddo, quindi il cane rimanendo senza rimarrebbe scoperto; si rischia quindi di esporre il cane a insolazioni e problematiche alla pelle.
Come dicevo, il tipo di tosatura dipende dal pelo, questo perché ad esempio nei cani a pelo ruvido si deve effettuare lo stripping per rimuovere i peli morti che si intrecciano nel manto e non la tosatura.

Pettine e spazzola per prendersi cura del proprio cane anche a casa.

Rivolgersi periodicamente ad uno specialista per prendersi cura del manto del proprio cane è sempre la cosa più indicata, ma questo non vuol dire che non dobbiamo occuparci di lui tra una sessione e l’altra. Infatti noi anche a casa possiamo aiutarlo spazzolandolo, la quale cosa porterà diversi vantaggi come ad esempio:

  • Riduzione dei nodi: oltre alla spazzolatura quotidiana, è consigliabile spazzolarlo anche dopo ogni bagnetto, ma solo quando il pelo torna perfettamente asciutto.
  • Eliminazione di polvere e impurità: hai idea di quanto sporco si accumuli durante le uscite e nei momenti giocosi?
  • Casa più pulita: se Il pelo del tuo cane viene adeguatamente spazzolato sarà più facile mantenere nella tua casa standard igienici adeguati a tutti i membri della famiglia.
  • Regolazione della muta del pelo: la muta del pelo del cane avviene comunemente due volte l’anno. In queste fasi, mentre il pelo vecchio cade, il nuovo sta già crescendo e la spazzola aiuta ad accelerare questo rinnovamento.
  • Donerai un vero piacere al tuo cane: è un vero massaggio, una coccola molto piacevole di cui ti sarà particolarmente grato. E rafforza il vostro rapporto!

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Come tornare alla routine con il proprio cane dopo la quarantena

Negli ultimi tre mesi circa ci siamo trovati di fronte a una situazione molto particolare. Per via della pandemia del COVID-19 abbiamo dovuto cambiare molto le abitudini delle nostre famiglie, siamo stati costretti a passare più tempo in casa e questo indubbiamente ha anche alterato la routine con i nostri amici a quattro zampe. Vediamo insieme cosa dovremo fare per far in modo che il ritorno alla vita “normale” sia il meno traumatico possibile per noi e per loro.

Ansia da abbandono

Gran parte delle persone si sono ritrovate a non dover andare a lavorare oppure a dover lavorare da casa, il cosiddetto start working, con la conseguenza che ovviamente i cani si sono abituati a passare praticamente tutto il tempo con i proprietari. Mentre da un lato questa cosa avrà sicuramente permesso di instaurare un rapporto più forte, dall’altro potrà rappresentare un problema per quando il cane tornerà a passare gran parte delle sue giornate da solo.
L’ansia da abbandono viene manifestata dal cane abbaiando in maniera prolungata arrivando anche ad ululare, potrà non rispettare più le regole per i bisogni e manifestare modificazioni nel comportamento come il girare su sé stesso, il tentare la fuga o grattare le porte, nei casi più gravi potrebbero manifestare anche coprofagia.
È quindi fondamentale effettuare un ritorno alle vecchie abitudini il più graduale possibile, quindi anche se si sta a casa è bene far svolgere al cane attività da solo, come ad esempio rosicchiare un osso o giocare con un kong, oppure lasciarlo in un’altra stanza rispetto quella in cui si sta lavorando. In generale è bene tenerlo il più impegnato possibile quando sta da solo e creare delle nuove routine.

Aumento dei rumori

Le città in questi mesi sono state molto più tranquille e silenziose e non siamo andati in luoghi affollati con il nostro amico a quattro zampe. Quindi è fondamentale ricominciare a frequentare questi luoghi gradualmente e cercando di evitarli se si nota che il cane ne risente manifestando segnali di stress come: irrequietezza, agitazione, aumento della frequenza respiratoria.

Resta il fatto che, così come prima dell’inizio della quarantena, se non si ha modo di passare molto tempo con il proprio cane si deve far in modo che quel tempo sia di qualità per il loro e il nostro benessere.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Frasi sui cani: vedi qui le frasi più belle sul tuo amico a 4 zampe

  • Più conosco gli uomini, più mi trovo ad amare i cani. (Charles de Gaulle)
  • I cani sono migliori degli esseri umani perché sanno, ma non parlano. (Emily Dickinson)
  • La vita dei cani è troppo breve. Questa è la loro unica, vera colpa. (Agnes Sligh Turnbull)
  • Che mondo meraviglioso sarebbe se le persone avessero il cuore come quello dei cani? (Anonimo)
  • Un vero amico lascia l’impronta delle sue zampe sul tuo cuore. (Anonimo)
  • Iddio creò l’uomo e poi, vedendolo così debole, creò il cane. (Anonimo)
  • Ci sono solo tre amici fedeli: una vecchia moglie, un vecchio cane e dei soldi pronti. (Benjamin Franklin)
  • Se in Paradiso non ci sono cani, allora quando morirò voglio andare dove vanno loro. (Will Rogers)
  • Pensi che i cani non vanno in paradiso? Te lo dico, saranno lì molto prima di ognuno di noi. (Robert Louis Stevenson)
  • In Paradiso si entra per favoritismo. Se si entrasse per merito, tu resteresti fuori ed il tuo cane entrerebbe al posto tuo! (Anonimo)
  • Quattro gambe buono, due gambe cattivo. (George Orwell)
  • Quando c’è un cane nella tua vita, c’è sempre un motivo per ridere. (Anonimo)
  • Chi mi ama amerà anche il mio cane. (Bernardo di Chiaravalle)
  • Errare è umano, perdonare è canino. (Anonimo)
  • Se un cane non verrà da te dopo averti guardato in faccia, dovresti tornare a casa ed esaminare la tua coscienza. (Woodrow Wilson)
  • Il luogo migliore dove seppellire un bravo cane è il cuore del suo padrone. (Ben Hur Lampman)
  • “Cane” lo dici a qualcun altro… io mi chiamo “Amore puro”! (Anonimo)
  • Dio non ha dato la parola ai cani per non mettere in difficoltà l’uomo! (Anonimo)
  • Se raccogli un cane affamato e lo rendi ricco non ti morderà. Questa è la principale differenza tra un cane e un uomo. (Mark Twain)
  • Il cane è l’unico essere al mondo che ti ama più di quanto non ami sé stesso. (Josh Billings)
  • La ragione per cui un cane ha molti amici è che agita la sua coda, anziché la sua lingua. (Anonimo)
  • La riconoscenza è una malattia del cane non trasmissibile all’uomo. (Anonimo)
  • Un cane può esprime di più con la sua coda in un minuto, che il suo padrone con la sua lingua in un’ora. (Anonimo)
  • A frequentare un cane si rischia di diventare migliori. (Anonimo)
  • Chi non ha avuto un cane non sa cosa significhi essere amato. (Anonimo)
  • L’amore passa attraverso una mano che accarezza e arriva ad una coda che scodinzola. (Anonimo)
  • Fissa il tuo cane negli occhi e tenta ancora di affermare che gli animali non hanno un’anima. (Anonimo)
  • Chi pensa che i cani non abbiano un’anima non ha mai guardato un cane negli occhi. (Anonimo)
  • Un cane può trovare, perfino nel più inutile di noi, qualcosa in cui credere. (Anonimo)
  • Il cane ha un solo scopo nella vita: donare il suo cuore. (Anonimo)
  • Non c’è fedeltà che non tradisca almeno una volta, tranne quella di un cane. (Anonimo)
  • La cosa migliore di un uomo è il suo cane. (Anonimo)
  • Fidati di più di una coda che ti scodinzola che di una bocca che ti sorride. (Anonimo)
  • L’amore chiese alla vita… Cosa mi doni? E la vita rispose: un cane da amare! (Anonimo)
  • Non esiste patto che non sia stato spezzato, non esiste fedeltà che non sia stata tradita, all’infuori di quella di un cane veramente fedele. (Konrad Lorenz)
  • A volte è difficile capire chi comanda in famiglia: se il marito, la moglie, la suocera o la donna di servizio. Ma il cane, lui, non si sbaglia mai. (Marcel Pagnol)
  • Come numerosi altri esseri umani molto amati, anche loro ritenevano di possedere i propri cani, senza rendersi conto che erano i cani a possedere loro. (Dodie Smith)
  • Date all’uomo un cane e la sua anima sarà guarita. (Ildegarda di Bingen)
  • Sii amico del mio cane e sarai anche mio amico. (Proverbio dei Nativi Americani)
  • L’amore per un cane dona grande forza all’uomo. (Seneca)
  • All’infuori del cane, il libro è il migliore amico dell’uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere. (Groucho Marx)
  • Vorrei conoscere la musica di cui la coda del mio cane batte la misura. (Yvan Audouard)
  • Più il cane è piccolo e più forte abbaia. (Sam Spade)
  • Da tempo avevo il sospetto che i cani fossero più intelligenti degli uomini; ed ero perfino convinto che potessero parlare, ma che, soltanto, ci fosse in loro una specie di cocciutaggine. Sono dei grandi politiconi: osservano ogni cosa, non perdono una sola mossa di una persona. (Nikolaj Gogol)
  • Il cane che mangia la suocera è veramente fedele. (Bruno Arena)
  • Siete mai entrati in una stanza e avete dimenticato perché ci siete entrati? Io penso che questo sia il modo in cui i cani trascorrono le loro vite. (Sue Murphy)
  • Lasciate entrare il cane coperto di fango, si può lavare il cane e si può lavare il fango. Ma quelli che non amano né il cane né il fango quelli no, non si possono lavare. (Jacques Prevert)
  • Non è importante quanto tempo passate fuori con il cane, ma come. (Stefan Wittlin)
  • Affronta qualunque cosa stressante come un cane. Se non puoi mangiarla o giocarci, semplicemente facci sopra la pipì e passa oltre. (Snoopy)
  • Chi tiene un cane in casa vive in media più a lungo di chi non ne vuole accanto a sé. (D.Morris)
  • Colui che uccide un cane uccide la propria anima. (Zoroastro)
  • Il cane ama appassionatamente gli odori fetidi. Se il cane è fedele all’uomo, è perché l’uomo puzza. (Francois Cavanna)
  • Un cane non è quasi-umano, e non conosco nessun insulto più grande alla razza canina che descriverla come tale. (John Holmes)
  • Signore, lasciami essere metà dell’uomo che il mio cane pensa io sia. (Anonimo)
  • Un cane non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti fermati… Un bastone marcio per lui è sufficiente. A un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido… Se gli dai il tuo cuore, lui ti darà il suo. Di quante persone si può dire lo stesso? Quante persone possono farti sentire unico, puro, speciale? Quante persone possono farti sentire straordinario? (Tratto dal film Io & Marley)
  • Niente può eguagliare l’esperienza di allevare il tuo primo cane, la gioia di camminare fianco a fianco all’aria aperta col tuo migliore amico. (Tratto dal film Io e Marley)
  • A loro non importa che tu sia ricco, loro non vestono abiti firmati, loro vogliono solo che “tu” gli voglia bene e in cambio “lui” ti dara tutto il suo cuore. (Tratto dal film Io e Marley)
  • Non ho mai conosciuto mio nonno. È morto quando ero piccolissimo. Ma, quando mi parlano di lui e di Hachi, io sento di conoscerli.Loro mi hanno insegnato il valore della fedeltà. Ora so che non bisogna mai dimenticare chi si è amato. È per questo che Hachi sarà per sempre il mio eroe. (Tratto dal film Hachiko)
  • La fedeltà di un cane ci insegna che l’amicizia può durare per sempre. (Tratto dal film Hachiko)
  • Il mio eroe è Hachiko, un cane, lo chiamavano Hachi, il cane del mistero, perché nessuno sapeva da dove venisse, e qui comincia la sua storia. (Tratto dal film Hachiko)

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Quanto spesso si deve fare la toilette al proprio cane?

Il tipo di cura di cui ogni cane ha bisogno dipende dal tipo di pelo che ha, se corto o lungo, se ispido o liscio, dall’età, dallo stato di salute. Per esempio un cane a pelo lungo avrà bisogno di una più attenta cura del manto al fine di evitare che si formino nodi.

Spazzolare il pelo

Fondamentale è spazzolare il cane almeno una volta a settimana e magari aumentare la frequenza nei cani a pelo lungo oppure se si è fatta una passeggiata nell’erba alta. Spazzolarlo oltre a permettere di evitare la formazione di nodi aiuta nella rimozione dei peli morti che altrimenti rimarrebbero incastrati tra gli altri, aiuta a mantenere il pelo più pulito e stimola la produzione dell’olio che mantiene lucido e sano il manto. È importante spazzolare periodicamente il proprio cane soprattutto nei periodi di muta appunto per aiutarlo a liberarsi del pelo che sta cadendo.

Pulire i denti

Questa è una pratica a cui il cane deve essere abituato con un po’ di pazienza in quanto non tutti sono disposti a farsi spazzolare i denti, ma è fondamentale per evitare o comunque ritardare la formazione e l’accumulo di tartaro sui denti che può portare a malattie a carico delle gengive e anche conseguente perdita dei denti. L’ideale sarebbe farlo quotidianamente con l’aiuto di uno spazzolino e utilizzando dentifrici appositi per la salute e l’igiene della bocca del vostro cane.

Fare il bagno

È indicato lavare il proprio cane una volta ogni 2-3 mesi con un minimo di un paio di volte l’anno. Purtroppo tenendo i cani in casa si tende a lavarli più spesso del necessario, ma sappiamo che questo può essere un male per la loro salute. Questo perché un cane a cui vengono fatti troppi bagni tenderà ad avere una pelle grassa o secca e pruriginosa, con un pelo opaco. Ovviamente la frequenza può essere aumentata nel caso in cui si vengano a creare situazioni in cui il cane è entrato a contatto con sostanze particolarmente odorose o nocive per la sua salute che quindi devono essere rimosse il prima possibile.
Fondamentale quando si fa il bagno al cane è utilizzare prodotti specifici per loro per non andare ad alterare il pH della pelle che è differente dal pH della pelle di noi umani. Utilizzare dei prodotti non adatti potrebbe portare ad alterazioni della cute del cane fino anche ad arrivare a sviluppare dermatiti gravi che potrebbero aver bisogno di un trattamento antibiotico.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

Qual è la cosa che il tuo cane adora distruggere?

È una storia vera, di cuccioli molto cattivi che hanno fatto venire il mal di testa ai loro proprietari con le loro marachelle. Ma che li fanno sorridere ogni volta che ne parlano!

Ecco qui alcune storie condivise con il team Barkyn:

 

“Oltre a telecomandi TV, calze, asciugamani da bagno… La cosa che ama diú fare è rosicchiare le lenti dei miei occhiali senza distruggere la montatura. Come ci riesce? É ancora un mistero”.

Zaira, migliore amica di Zazu

 

 

“Il mio Poker ha rosicchiato 1 sistema di irrigazione, 1 faretto, una rete da piscina, gli pneumatici della mia auto, 1 bottiglia piena di crema solare, qualche scarpa…
A parte questo, non ha mai distrutto i suoi giocattoli”.

Marina, migliore amica di Poker

 

 

“Moka, di 6 mesi, ha recentemente scoperto un passatempo incredibilmente divertente: distruggere la carta da parati della mia cucina”

Anna, migliore amica di Moka

 

 

“Spettrom quando aveva un anno, amava rosicchiare il parabrezza delle auto…
Potete immaginare le nostre facce quando ci siamo svegliati con le auto senza parabrezza. Conclusione: non lasciamo mai più le auto nel garage accanto a casa”!

Rita, migliore amica di Spettro

 

 

“Jack sogna di fare l’elettricista, ma finora le cose non sono andate come previsto…
Il suo lavoro principale qui a casa è stato quello di rosicchiare i fili elettrici del frigorifero e del riscaldamento”.

Lucia, migliore amica di Jack

 

 

“Kikka ha un amore folle per i calzini…
Passa il tuo tempo nella stanza dei miei figli e la vediamo sfrecciare in giardino per nasconderle dietro gli alberi di limoni”.

Annalisa, migliore amica di Kikka

 

 

“Abbiamo iniziato ad elencare le sue marachelle con nomi, come su Game of Thrones: Joy, the Dog from Hell, Internet Smiter, Furniture Eater, All around Bad Girl.”

Bruno, miglior amico di Joy

 

 

“Ghianda circa due mesi fa ha deciso di invadere la valigetta del trucco della proprietaria e ha mangiato due rossetti rosa: ha dipinto le sue zampe, il muso e i cuscini. E quando è andata in strada per fare i suoi bisogni la sorpresa era rosa :)”.

Simona, la migliore amica di Ghianda

 

Una certa somiglianza con le marachelle di è pura coincidenza! 😂

Esercizi in casa con il cane

Ti suggeriamo 5 esercizi da fare a casa in quarantena. Un piano di allenamento per motivare gli esseri umani a fare esercizio fisico, accompagnati dai loro migliori amici:

Esercizio 1: Sprint

Inizia a riscaldarti con una corsa in cui potrai essere seguito o addirittura sorpassato dal tuo personal trainer a quattro zampe.

Esercizio 2: Steps

Aprofitta dele scale di casa tua per continuare l’allenamento col tuo cucciolo.

Esercizio 3: Squat

Il numero di ripetizioni può dipendere dal peso del cane…

Esercizio 4: Flessioni

Il tempo necessario al tuo cane per “darti la zampa” fa parte dell’addestramento.

Esercizio 5: Allenamento braccia e gambe

L’esercizio fisico non è raccomandato quando i personal trainer sono grandi.

 

Ai cani piace la musica?

La musica: da sempre un ottimo antidoto a tristezza, solitudine e depressione. Quanti di noi la ascoltano facendo sport, viaggiando in auto o sui mezzi pubblici, chi può anche mentre studia o lavora…

Potrebbe sembrare strano, ma esistono anche svariati studi sull’effetto che quest’ultima ha su cani e gatti. In particolare, secondo la studiosa Deborah Wells, sarebbe la musica classica quella che sortisce maggiori effetti calmanti sul cane, che non sono invece riscontrabili con melodie quali il pop o canzoni commerciali in generale. I risultati dello studio dimostrano come la musica classica, unita ai suoni tipici della natura (cinguettii, acqua che scorre, etc.), vengano interpretati dall’orecchio del cane come una vera e propria conversazione tra umani.

Un altro studio di origine statunitense, ha invece osservato la risposta clinica dei cuccioli sottoposti a “terapie musicali” e i risultati sembrano dimostrare un abbassamento della frequenza cardiaca soprattutto con le note suonate ad arpa.

In termini pratici, sarebbe utilissimo utilizzare questa strategia per abituare il cane fin da cucciolo ai rumori, anche onde prevenire eventi stressanti riconducibili a sirene, botti di capodanno, manifestazioni sportive, etc.

Per ultimo vorrei citare un simpatico studio condotto nel 2018 da Spotify, il celebre servizio di riproduzione digitale in streaming. Basandosi su alcuni studi condotti dall’Università di Glasgow e in collaborazione con un canile sito in Germania, Spotify ha ideato Adoptify, un curioso progetto che associa cani in cerca di famiglia con i potenziali futuri proprietari, in base ai rispettivi gusti musicali. Proprio così! Secondo il Professor Neil Evans, coordinatore del progetto, reggae e soft rock sono i generi più amati dai cani, quanto meno se messi in relazioni con i cambiamenti comportamentali dei nostri amici a 4 zampe.

D’altronde, chi di noi potrebbe mai dimenticare il più famoso San Bernardo della storia del cinema che abbaia (e per questo viene chiamato come il noto compositore) non appena vengono suonate le prime note di Beethowen? Oppure più recentemente, il simpaticissimo Michelangelo, Barbone gigante bianco co-protagonista del film pixar Pets (e Pets 2), che si scatena sulla musica heavy metal appena il suo padrone esce di casa? Stai a vedere che questi ricercatori c’hanno visto giusto…

 

Quindi sai cosa abbiamo fatto? Abbiamo creato una lista di canzoni su Spotify con l’aiuto dei nostri clienti,  e l’abbiamo dedicata a tutti i cani.

Dott.ssa Lisa Pugliese

Educatrice e Istruttrice Cinofila

Esiste una connessione tra la mia salute e quella del mio cane?

Al giorno d’oggi sempre di più si integra l’animale domestico nella vita quotidiana di ogni famiglia, si condividono gli spazi, si dorme insieme, si toelettano in casa, ma vediamo insieme questo cosa comporta per la salute dei componenti della famiglia.
Importante è tenere in considerazione che ci sono malattie infettive che possono passare dal cane all’uomo, così come i parassiti sia interni che esterni che possono essere contratti anche dall’uomo. Per questo appare evidente come sia importante tenere sotto controllo la salute del proprio cane al fine di controllare anche la propria. Questo è possibile attraverso una corretta vaccinazione, una corretta profilassi parassitaria e attraverso controlli annuali dal proprio veterinario di fiducia. Importante è anche una corretta igiene della casa così come del nostro migliore amico, soprattutto se ci condividiamo letto/divano.

Oltre a queste misure basilari di cura e igiene del proprio cane c’è da tenere in conto anche l’empatia che loro hanno, quindi vediamo come invece noi possiamo affettare loro.
Con empatia s’intende il naturale fenomeno sensoriale per il quale un essere vivente prova gli stati d’animo di un altro nella propria sfera sensitiva. Questo vuol dire che il cane entra in sintonia con gli stati d’animo del proprietario. Se ad esempio una persona è molto ansiosa, il suo cane percepirà questo stato d’animo e a lungo andare probabilmente diventerà un cane ansioso. Per l’esattezza loro tenderanno a sincronizzarsi con lo stato del padrone e da questo è facile intuire come più sano sarai tu emotivamente, mentalmente, spiritualmente e fisicamente, più sano sarà il tuo cane.

È quindi chiaro come prendendosi cura della propria salute e del proprio stato d’animo andremo non solo ad ottenere dei benefici per noi stessi, ma anche per gli animali domestici presenti nella nostra casa.

Human Health + Animal Health = One Health

 

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterianario Barkyn

Perché non ho feeling con un cane?

Vista, olfatto, tatto. Sono questi i sensi che entrano in gioco quando facciamo la conoscenza di qualcuno, cani compresi. Gran parte delle nostre esperienze funzionano per associazione (e anche quelle del cane); se abbiamo conosciuto qualcuno un giorno in cui eravamo particolarmente di buon umore ad esempio, è possibile che quella persona ci risulti particolarmente simpatica e gioviale. Al contrario, se abbiamo avuto una brutta esperienza, può darsi che tutti coloro che incontriamo in quel giorno ci sembrino inadeguati e indisponenti. E’ possibile però che la responsabilità sia in parte nostra.

I cani, per esempio, sono molto sensibili ai nostri cambianti vocali e posturali: chi ci dice che – un giorno in cui eravamo particolarmente di cattivo umore – abbiamo alzato la voce, aggrottato le sopracciglia e usato il nostro corpo per mandare involontariamente dei messaggi minacciosi verso il cane?

Guardiamo la situazione dal punto di vista del cane. Magari a noi sta simpatico, vorremmo toccarlo, farci amicizia…eppure lui sembra temere la nostra presenza, perché?

  • Perché è possibile che il suo padrone l’abbia sgridato in nostra presenza, e magari involontariamante lui ha associato noi alla punizione!
  • Oppure il suo precedente proprietario lo maltrattava e chissà che non indossasse il nostro stesso profumo?
  • La nostra voce potrebbe avere un suono, un timbro o una frequenza che disturba il cane, magari anche per la particolare conformazione organica delle sue orecchie, o forse per una patologia.

Insomma, come vedete sono davvero tanti i motivi che possono incidere quando si parla di feeling. D’altronde questo altro non è che un sentore, una sensazione, qualcosa di irrazionale che può derivare da moltissime cause, anche momentanee. Se il disagio deriva dal cane, potete chiedere senza vergogna il consulto di un bravo educatore. Se il disagio è vostro, provate ad analizzare bene tutta la storia e i vissuti tra voi e quel cane in particolare. Magari somiglia tanto a quello che vi aveva aggredito da bambini? La nostra memoria è uno scrigno che può darci tante informazioni su di noi e sugli altri, basta aver voglia e coraggio di usarla.

 

Dott.ssa Lisa Pugliese

Educatrice e Istruttrice Cinofila

Posso uscire col mio cane in questo periodo di quarantena?

Quanto spesso posso uscire con il mio cane?

Non è mai stato stabilito un numero massimo di passeggiate quotidiane con il proprio cane, ne tanto meno una durata.
Come ogni spostamento necessario che effettuiamo in questi giorni (fare la spesa, andare in farmacia ecc…) anche nel portare in giro il proprio Migliore Amico deve essere applicata la regola del buon senso e della buona condotta civica, ne rispetto di noi stessi, dei nostri famigliari e degli altri cittadini che non hanno la stessa possibilità.
Le uscite andrebbero limitate per numero e per durata allo stretto indispensabile per i bisogni fisiologici del cane, inoltre dovrà essere effettuata esclusivamente nelle immediate vicinanze del proprio domicilio: non sarà passibile caricare il cane in macchina per raggiungere altri luoghi di svago come il parco bau o il lungomare. In ogni caso dovranno essere sempre evitati affollamenti o passeggiate in compagnia. Durante ogni uscita è ammesso un solo accompagnatore per cane.

Accorgimenti al ritorno dalla passeggiata

Le zampe del cane possono essere igienizzate con semplice acqua e sapone neutro, sfregando bene cuscinetti e spazi interdigitali. In nessun caso possono potrà essere utilizzata candeggina o altro prodotto aggressivo per la cute.

In casa con i nostri animali, come dobbiamo comportarci?

Seppur al momento non ci sono prove scientifiche che indichino un diretto coinvolgimenti dei nostri animali nella diffusione del virus, anche nei loro confronti dovremmo seguire determinate regole fondamentali:
• lavarsi le mani prima e dopo aver toccato gli animali,
• niente scambi di cibo o baci,
• tossire e starnutire coprendo bocca e naso con fazzoletti monouso da eliminare nella raccolta indifferenziata in sacchetti chiusi

Dott.ssa Alessia Troli
Medico Veterinario Barkyn